tamtamcomunication@gmail.com

Negli ultimi anni, campagne come #GivingTuesday hanno trasformato il mondo del fundraising e del crowdfunding in un’esperienza divertente, creativa e sempre più condivisibile.

Hanno incoraggiato molte organizzazioni no profit a ripensare come aumentare i sostenitori, non solo per le donazioni, ma per migliorare la loro brand awareness.

 

Ecco tre semplici suggerimenti per raggiungere l’obiettivo con i social media:

 

1. Sii d’impatto

Imposta un obiettivo di raccolta fondi realistico e legalo ad un impatto tangibile. Ad esempio, se l’organizzazione fosse una mensa, potresti impostarla così:

“Per ogni 20 euro donati, stasera potremo sfamare altre 20 persone nella nostra mensa”

Le donazioni sono il fulcro per aiutare le persone, un progetto critico o un programma.

25-gift-level 

2. Punta sull’urgenza

Mentre la campagna #GivingTuesday raccoglie un sacco di soldi in tutto il settore no profit, le organizzazioni competono tra loro per avere la fetta più grossa.

Il tuo appello di raccolta fondi e i tuoi contenuti social devono distinguersi da ogni altra onlus.

Come? Puntando sull’urgenza. Sfrutta l’onda degli eventi del momento (una catastrofe naturale, una guerra civile…) e di’ ai tuoi sostenitori cosa c’è in gioco.

 

3. L’influenza dei social media

I social media non raccolgono i soldi delle campagne in modo diretto, ma servono a coinvolgere i sostenitori a promuovere un progetto e a farlo conoscere ai loro amici.

 

Conclusioni

 Il “chiedere” non è più focalizzato alla richiesta di denaro, ma sull’impegno personale e sulla condivisione di un’esperienza.

Quindi è solo una questione emotiva? Sì e no.

Le campagne tradizionali hanno spesso fatto leva sulla pietà e la compassione (i bambini che muoiono di fame, una malattia grave…)

Ma siamo così assuefatti dalla negatività che non ci sconvolgono più.

Ecco perché bisogna puntare su un’emotività costruttiva:

“Il tuo impegno come donatore è importante e rientra in un’esperienza più grande; fai parte di un gruppo di persone che come te vuole fare la differenza… Fallo sapere a tutti!”

 

 

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *